UNIGHT Linguistic Landscape

Che lingue parla Torino? Vieni a disegnare il paesaggio linguistico della città!
Venerdì 7 luglio alle ore 17.30 presso lo spazio di Viale Mai, l’Università di Torino presenta Unight Linguistic Landscape, un progetto di citizen science che ha l’obiettivo di mappare quali lingue - oltre l’italiano - sono presenti in città.
 
-
Torino, spazio pubblico di viale Ottavio Mario Mai

Studenti, cittadine e cittadini sono invitati a prendere parte a un vero e proprio progetto di ricerca che mira a definire, attraverso la raccolta di fotografie di cartelli, insegne di esercizi commerciali e scritte nei luoghi pubblici, il paesaggio linguistico (linguistic landscape) di Torino.

Le testimonianze visive prodotte dai partecipanti e condivise sulla piattaforma web Firstlife, sviluppata dal Dipartimento di Informatica di UniTo, permetteranno di delineare il profilo linguistico e culturale della nostra città.

Quali e quante lingue si usano a Torino e in quale zona? Quali aree sono monolingui e quali plurilingui?
Un comitato scientifico composto da docenti dell’Università di Torino analizzerà i dati raccolti sotto diversi punti di vista - sociolinguistico, sociopolitico, educativo, geografico, economico - e presenterà i risultati durante la prossima Notte Europea delle Ricercatrici e dei Ricercatori che si terrà il 29 e 30 settembre 2023 presso i Giardini Reali.

 


Programma

— ore 17.30
Saluti di Egidio Dansero, Direttore del Campus Luigi Einaudi

— ore 17.40
Intervengono Elisa Corino e Gianpiero Vigani, coordinamento UNIGHT

— ore 18.00
Attività di mappatura linguistica nei dintorni del CLE

— ore 18.30
Rientro al CLE per aperitivo e confronto sull'esperienza.

 

L’evento si inserisce nel calendario dei festeggiamenti per i 10 anni del CLE.

 


Partecipa al progetto

Vuoi contribuire a disegnare il paesaggio linguistico di Torino?
Ecco come fare!

 

  1. Osserva bene il tuo quartiere e le strade della città: ci sono insegne, cartelli o scritte in una lingua straniera?
  2. Documenta tutto con una foto e segnati il posto, la lingua e la tipologia di testo (è l’insegna di un negozio? un cartello con informazioni turistiche? altro?)
  3. Vai sulla piattaforma di Firstlife* al link unightlls.firstlife.org e registrati con nome, cognome, indirizzo mail e password;
  4. Carica le tue foto indicando le informazioni utili per la ricerca (quartiere, tipologia di luogo, lingua, ecc.). Se vuoi, puoi inserire anche una breve storia che ti lega al luogo fotografato.
  5. Segui il progetto sui canali social di Unight e commenta i risultati!

 


L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto UNIGHT che per il secondo anno, in occasione della più grande manifestazione europea dedicata alla ricerca, coinvolge Torino insieme a Covilhã, Pau, Chambery e Timisoara con le rispettive università partner dell’Alleanza UNITA.

Da sempre la Notte Europea delle Ricercatrici e dei Ricercatori promuove la partecipazione della società al processo stesso della ricerca: durante l’evento tantissime sono le attività proposte dall’Università e dal Politecnico di Torino e dai centri di ricerca del territorio che mettono al centro il contributo scientifico che le persone possono dare. I progetti di citizen science, in particolare, si avvalgono della collaborazione con i cittadini proprio nella raccolta dei dati per uno scambio reciproco di conoscenza.